Addestrare il gatto all’uso della lettiera: consigli utili

Addestrare il gatto all'uso della lettiera consigli utili

Portare a casa un nuovo gattino è un momento emozionante per te, ma per lui può anche essere un momento stressante. Una nuova famiglia, un nuovo ambiente, nuovi odori, immagini e suoni: l’esperienza può essere abbastanza movimentata! Fortunatamente, un aspetto che di solito non rappresenta mai un grosso problema è l’addestramento.

I gatti sono animali naturalmente schizzinosi e puliti; qualsiasi gatta madre insegna al suo piccolo come pulirsi e curarsi, quindi gran parte del lavoro sarà già stato fatto dal lei! Ovviamente, nella sua nuova casa il tuo gattino potrebbe aver bisogno di alcune attenzioni per capire cosa fare e come muoversi, quindi ecco alcuni suggerimenti per aiutare te e il tuo gattino ad affrontare rapidamente l’addestramento alla lettiera.

  • Rendi l’adattamento alla nuova casa il più libero possibile da stress. Assicurati di avere tutto l’equipaggiamento necessario per compiere questo compito: una lettiera di buone dimensioni (magari anche più varianti provare), giornali o fodere per il vassoio, disinfettante per animali domestici e panni usa e getta. Scegliere la giusta toilette non è impresa facile, e non c’è un procedimento esatto per arrivare a quella perfetta; semplicemente, procedi per tentativi ed errori. Nel caso dei gattini, è meglio provare prima con un materiale a base di argilla semplice e inodore. È inoltre buona cosa rimuovere le piante in vaso dalle aree facilmente accessibili al tuo gattino. Potrebbero cadere in tentazione e trovare la terra o il terreno dei vasi un buon posto dove fare i bisogni. È importante che l’unico posto in cui si abituano a fare i bisognini sia nella loro lettiera.
  • Colloca la lettiera in una posizione tranquilla, lontano dalle ciotole per alimenti, dove può svolgere le sue attività indisturbato. I gattini tendono ad apprezzare i posti nascosti dietro i mobili, ma assicurati che la posizione sia comoda per pulirlo. Poi, nel tempo, quando il gattino si sarà abituato, puoi spostarlo nella posizione che preferisci.
  • Quando finalmente porti a casa il tuo gattino, assicurati di aver preparato la lettiera pronta nel punto che hai scelto. Posizionaci sopra delicatamente il gattino; probabilmente noterai che inizia a fiutare e forse graffiare la lettiera. Nessun problema, questo gesto è istintivo per la maggior parte dei gattini e anche per gli adulti, ma è importante che tu lo aiuti. Porta il gattino sulla lettiera dopo ogni pasto o quando lo vedi bere. Potrebbe essere necessario ripetere questo gesto anche più di 10 volte al giorno; solo così imparerà! Spesso i gattini mostrano dei segni quando capiscono che ” dovranno andare “. Dal miagolio al vagabondaggio fino al graffio sul pavimento, osservali attentamente e, se necessario, guidali nel punto giusto, poi rispetta la sua privacy e lascialo solo.
  • Accertati che la lettiera sia pulita. Potrai liberarti della maggior parte dei rifiuti con i sacchetti per i bisogni, ma il vassoio dovrà essere cambiato completamente almeno una volta al giorno. Quando lo pulisci, è buona cosa utilizzare un disinfettante per animali e salviette di carta usa e getta. Ai gatti piace che la loro toilette sia pulita; assicurati quindi che lo sia sempre, altrimenti lo sporco potrebbe incoraggiarli a usare il pavimento.
  • Se accadono degli incidenti, non arrabbiarti con il tuo gattino: facendo ciò rischi di spaventarlo ancora di più, rendendo più probabile che si nasconda quando necessita di fare i bisogni. Se è necessario ripulire il pavimento o la tappezzeria, fai sempre attenzione a non danneggiare nulla e piuttosto attieniti alle istruzioni del produttore.
  • Se noti cambiamenti nelle feci o nelle abitudini del gatto, potresti consultare il veterinario per cercare di capire meglio quali siano le cause. Alcuni problemi medici di base possono infatti causare cambiamenti ai modelli di comportamento dati per acquisiti.
  • Sii paziente e coerente! L’addestramento del cucciolo ai bisogni con molta probabilità avrà una durata di circa 4 settimane ma, una volta che l’ha imparato, talvolta accade che sopraggiungano altri piccoli problemi da risolvere.