Come trovare le offerte luce e gas più convenienti nella città di Roma?

Quando è stata l’ultima volta che hai controllato le tue tariffe energetiche? Se la risposta è più di un anno fa, potresti pagare molto più del necessario.

La tua fattura non riflette semplicemente quanta energia usi. Il tuo codice postale svolge anche un ruolo nel determinare l’importo da pagare.

I fornitori di energia addebitano tariffe diverse in base alla propria regione, anche se forniscono lo stesso servizio. Anche se non c’è molto che puoi fare per quanto riguarda le variazioni di prezzo regionali – a parte il trasloco – puoi cercare il fornitore di energia elettrica più economico nella tua zona e assicurarti di avere la migliore tariffa possibile.

Quando si tratta di fornitori di energia, la lealtà non paga. Per risparmiare, prendi in considerazione il passaggio a un nuovo fornitore, in particolare se sei bloccato con la stessa azienda per anni e hai una tariffa variabile standard. E se la tua tariffa è troppo cara, puoi passare a un altro gestore in qualsiasi momento, senza penalità.

Ma veniamo al Lazio, e nello specifico analizziamo lo scenario della città di Roma, per approfondire di più questo argomento.

Quali sono i principali operatori attivi a Roma

La compagnia elettrica nazionale in Italia e a Roma è ENEL. Tuttavia, i clienti sono liberi di scegliere altri fornitori di energia elettrica disponibili nella loro zona. Il contratto elettrico di base in Italia è stato istituito per fornire da 3 a 3,2 kilowatt circa. Se una famiglia prevede di far funzionare più apparecchi contemporaneamente e di superare la potenza disponibile, può richiedere un approvvigionamento maggiore (fino a 6 kilowatt).

Detto questo, passiamo a vedere quali sono i principali fornitori di energia elettrica della città di Roma (maggiori info in questo articolo):

Cosa fare prima di cercare un fornitore

Leggere la bolletta

ENEL invia una bolletta elettrica stimata ogni due mesi. I contatori vengono letti due volte all’anno. Tutte le fatture mostrano il numero di conto (numero utente), l’importo dovuto (importo) e la data entro cui effettuare il pagamento (scadenza).

La maggior parte delle case è ora dotata di un contatore elettronico remoto che consente a ENEL di misurare l’utilizzo a distanza. Significa anche che l’alimentazione elettrica può essere disconnessa in remoto quando una fattura scaduta non viene pagata. Prima della disconnessione completa, la quantità di elettricità fornita viene ridotta per un periodo. Un modo per incoraggiare il pagamento prima della disconnessione completa.

Scoprire in quali momenti della giornata si consuma di più

L’Italia gestisce un sistema di prezzi a due livelli. I vecchi contatori elettrici vengono sostituiti con contatori elettronici “intelligenti” che calcolano il consumo in diversi momenti della giornata. I costi dell’elettricità variano a seconda del tempo di utilizzo e costano di più dal lunedì al venerdì, dalle 08:00 alle 19:00. Il costo è inferiore nei fine settimana. I prezzi a due livelli si applicano anche ai residenti e ai non residenti, con il risultato che coloro che non vivono in Italia a tempo pieno pagano di più per la loro elettricità.

Verificare che gli elettrodomestici siano in buono stato e se possibile in classe A

Praticamente in ogni casa di Roma il 35% dell’energia utilizzata viene effettivamente sprecata.
Questo non va bene né per il tuo conto bancario né per l’ambiente.
Verifica il costo medio annuale di diversi apparecchi, mostrando anche ciò che utilizza più energia nel corso dell’anno. Scegli sempre elettrodomestici a basso impatto energetico, se possibile in classe A+, A++ o, ancora meglio, A+++.

Confrontare le tariffe

Siti come Chetariffa.it possono proporti speciali offerte energetiche capaci di farti risparmiare anche centinaia di euro all’anno. Per accedere al servizio, basta compilare i pochi campi richiesti.