Motoveicoli usati 2019: è stato davvero un boom?

Motoveicoli usati 2019: è stato davvero un boom?

Il 2019 per i motoveicoli usati sembra essere stato un anno davvero proficuo, in particolar modo per il mercato delle moto in linea di massima. 

Segnali positivi nel primo trimestre 2019

I primi due mesi di quest’anno solare hanno fatto segnalare dei segnali davvero incoraggiante per il settore dei motori, che ha dato una svolta durante il mese di marzo in maniera sensibile. 

A favorire gli utili del primo trimestre ci hanno pensato anche le condizioni climatiche, davvero eccellenti e fuori dalla media stagionale, che hanno permesso a molti centauri di investire molto sull’acquisto dei ciclomotori. 

I veicoli che sono stati immatricolati sono stati all’incirca 26000, tra gli scooter che hanno visto incrementare le loro vendite del 27,3% rispetto allo stesso periodo d’anno del 2018.

Per quanto concerne invece il segmento degli scooter si è registrato un netto miglioramento rispetto al passivo dello scorso anno del 21%, facendo registrare sul tabellino un bel +30% degli scooter: anche per le moto si è verificato un bel netto del 25% con 12500 pezzi venduti. 

Invece per le quattro ruote la situazione sembra essere diametralmente opposta, infatti l’unico settore che sembra aver beneficiato di queste temperature più fresche e meno rigide sono proprio le due ruote. 

Specialmente per le moto 50 cc, come ad esempio la Vespa Piaggio, sembrano davvero cavalcare l’onda, con una tendenza a rivivere l’esperienza sul motoveicolo degli anni 60-70, dal sapore retrò e mai dimenticato.

Le moto più vendute di inizio anno 2019 sono state le seguenti:

  • Bmw R 1250 GS
  • Honda Africa Twin
  • Yamaha Tracer 900
  • Bmw R 1250 GS Adventure
  • Benelli TRK 502 / TRK 502 X
  • Ducati Scrambler 800
  • Yamaha MT-09
  • Yamaha MT-07
  • Honda NC 750X
  • Ducati Multistrada 1260

Ultimo periodo dell’anno per i motoveicoli usati

Sebbene il primo trimestre ha fatto pensare ad un deciso miglioramento i mesi successivi sono andati anche meglio, con una situazione di stallo nel mese di settembre 2019. 

I motoveicoli usati invece hanno scritto a registro un bel 10 punti percentuali di positivo nel mese di Ottobre, confermando ad ogni modo lo scenario idilliaco che si prospettava all’inizio di quest’anno. 

Nell’ultima parte dell’anno sono i cinquantini a soffrire maggiormente: ma qui molto è influenzato dalla stagionalità e dal freddo che rende quasi inutile acquistare un motoveicolo di bassa cilindrata.

Immatricolazioni del 2019 in base alla cilindrata

Nel 2019 che ormai sembra alle porte si sono verificate le seguenti immatricolazioni:

  • Le moto con una cilindrata dalle 800 alle 1000 hanno registrato immatricolazioni per un valore pari a 26.000 circa il 18% in più rispetto allo stesso segmento dell’anno precedente. Per gli scooter ed i motoveicoli oltre i 1000 di cilindrata ci attestiamo sulle 22.000 immatricolazioni, circa 2 punti percentili in meno rispetto alla stagione passata. 
  • Le cilindrate delle moto che si trovano in mezzo ne beneficiano, mostrando come il momento della compravendita delle moto è uno dei più rosei e fiorenti al momento. Le vendite hanno toccato punte del 10-12% dai 300 fino ai motoveicoli da 600 cc.
  • Segnali di netta ripresa quest’anno per le piccole cilindrate, che indicano un bel +7% per la categoria che va dai 150 ai 250 cc ed un 12% per le due ruote 125 cc, rispettivamente 2500 ed 11.000 immatricolazioni.

Perché preferire l’usato al nuovo

Circa il 25% dei centauri preferisce reinvestire i soldi piuttosto che spenderli per acquistare un motociclo o motoveicolo nuovo. 

Le motivazioni sono tra le più disparate, ma sicuramente tra queste troviamo: 

  • Occhio attento al portafoglio: come scontato che sia, anche il portafoglio va di pari passo con l’acquisto di una moto a due ruote, i perché sono facili da intuire: una moto usata costa decisamente meno (56,4% in meno) rispetto a moto appena fresche di azienda. 
  • La comodità della vicinanza: avere una vicinanza dal punto di vista geografico gioca un ruolo sostanziale, circa l’83% degli affari si fiutano in terra locale, mentre il 58% all’esterno della propria regione. 
  • Le donne moto-munite sono in aumento: quasi un quinto di chi acquista uno scooter o un motoveicolo è donna, questo a sottendere l’importanza di un mezzo efficiente e snello anche per il gentil sesso.
  • Amanti della guida confortevole: il guidatore di motoveicoli moderno ama la guida serena e tranquilla, senza marmitte rumorose o problemi di sorta.
  • Scooter visto come mezzo veloce e comodo: nell’immaginario comune del centauro lo scooter è potenzialmente visto come un mezzo veloce e di sicuro affidamento, oltre che a garantire performance è anche un mezzo fantastico e snello. Molti sono anche patiti della guida sportiva e dinamica.