Ventilatore centrifugo: cos’è, a cosa serve e come funziona

Ventilatore centrifugo: cos'è, a cosa serve e come funziona

– Ventilatore Centrifugo

Nel campo industriale, bisogna rivolgersi all’aiuto di accessori dedicati in maniera specifica per fa sì che i risultati siano soddisfacenti. Questo discorso va ampliato a tutti i settori della propria azienda, anche alla ventilazione. Se se in possesso di impianti di produzione industriale o fai parte di un team che progetta tali impianti, ti sarai trovato di fronte alla scelta di un ventilatore centrifugo (https://ventilazionesicura.it/ventilatore-centrifugo/ Ventilazione Sicura informa sui dettagli relativi alla ricurezza dell’areazione industriale). Stai ben attento ai diversi venditori che bussano alla tua porta con il tentativo di piazzarti di un ventilatore qualsiasi, perché molti non conoscono la differenza effettiva tra una ventilatore che possiede delle ventole centrifughe o un ventilatore con delle ventole assiali. Conoscere con esattezza le caratteristiche del ventilatore che si va ad installare nella propria azienda, o che farai installare in una azienda, è fondamentale per evitare degli errori di valutazione che potrebbero rivelarsi gravi e generare problemi importanti nell’azienda.

– Cos’è, a cosa serve e come funziona un ventilatore centrifugo

Fatta questa breve, ma doverosa premessa, passiamo a quella che è la spiegazione tecnica di un ventilatore centrifugo.
Il ventilatore industriale è una ventola che aiuta ad evitare problemi di funzionamento agli strumento dell’impianto in cui è installato grazie alla sua capacità di aspirazione di miscele di gas e polveri.
Dalla definizione scritta nel paragrafo precedente si capisce benissimo che utilizzare un buon ventilatore centrifugo diviene di vitale importanza per tutto l’impianto dell’azienda e anche per i dipendenti, offrendo loro un’aria più salubre possibile.
Ben si nota come si debba utilizzare dei prodotti solidi e referenziati quando si parla di ventilazione industriale, ecco perché diviene utile installare un ventilatore centrifugo, l’unico in grado di poter lavorare in condizioni scomode, garantendo lunga durata senza usura rapida. Queste caratteristiche sono necessarie poiché bisogna garantire la produzione anche in presenza di temperature elevate, riuscire ad aspirare senza problemi e nella minor tempo possibile sostanze corrosive, polveri sottili, polveri abrasive.

– I diversi tipi di ventilatore industriale.

La classe dei ventilatori industriali è molto ampia ed è suddivisa in più gruppi. Abbiamo i ventilatori assiali o i ventilatori centrifughi. Tutti questi gruppi dipendono dal tipo di pala installata. Nello specifico dei ventilatori centrifughi, li dividiamo in: ventilatori a pala singola girante in avanti; ventilatore a due pale giranti al rovescio; ventilatori a pale giranti al rovescio e inclinate.
Ogni tipo di ventilazione generata da queste tipologie di pale differenti sono utili a risolvere un problema specifico della tua azienda, quindi portano ad un beneficio ben preciso all’impianto.

– Perché il ventilatore centrifugo è l’unica scelta per il tuo impianto?

Tra tutti i ventilatori industriali, il ventilatore centrifugo è quello che possiede maggiore forza. fatto un confronto in parallelo con altri metodi di ventilazione, balza subito all’occhio come la pressione creata da un ventilatore centrifugo, a differenza di un qualsiasi ventilatore industriale, è nettamente maggiore: può avere una forza superiore di cinque o sei volte rispetto ad un altro ventilatore.
La sua forza sta, come indica la parola stessa, nella forza centrifuga che riesce a scatenare, quindi muove l’aria in una maniera totalmente differente da un qualsiasi ventilatore industriale. Esso lavora sulla base dello stesso concetto della centrifuga di una lavatrice: l’alta velocità prodotta dalle ventole, fa in modo che il gas aspirato esca fuori senza la possibilità di ritornare in circolazione nell’ambiente da cui è stato aspirato.

– I punti negativi dei ventilatori centrifughi

A dover di cronaca, è corretto parlare anche delle negatività di questo prodotto, che, a quanto detto fin ora, rappresenta la soluzione migliore per la ventilazione di un impianto industriale.
Il ventilatore centrifugo non può essere installato in linea con la tubazione di cui è dotato, altrimenti non avrà la funzione desiderata. Deve essere installato a 90 gradi rispetto al resto, poiché l’aria aspirata uscirà in maniera assiale rispetto al moto di aspirazione.
Altro punto negativo sta nella forma della cassa in cui alloggiare il ventilatore centrifugo. Ogni ventilatore centrifugo che si rispetti è dotato di una cassa rettangolare e di pale che si muovo in maniera circolare, come è ovvio che sia. Quindi si ritiene necessario installare in uno spazio dedicato e grande abbastanza da garantire la rotazione delle pale.

Queste sono tutte le informazioni necessarie in materia di ventilazione industriale e di ventilatori centrifughi. Ora non resta altro che mettersi alla ricerca del ventilatore centrifugo più adatto all’impianto di produzione a cui deve essere associato, tenendo ben a mente che la sua installazione garantisce maggiore sicurezza e produttività a tutta l’azienda.